Trek - Powerfly 9 Lt Plus

Una bici di Simone MtbCult

1

La nuova Powerfly è un bel passo in avanti, grazie alla geometria moderna e alle gomme Plus.

Data di prima pubblicazione:
20 Settembre 2016

i pro di questa bici
Geometria più adatta all'uso sui single track, sospensione posteriore con sistema metrico (grande sensibilità e capacità di assorbimento) confidenza delle gomme Plus, trasmissione Sram Ex1, la compattezza e la funzionalità del display Bosch Purion, scorrevolezza migliore per le gomme da 2,8" Bontrager.

i contro di questa bici
Le gomme da 2,8" puntano molto sulla scorrevolezza, ma in curva richiederebbero dei tasselli laterali più decisi; il tubo superiore meritava un cm in più di lunghezza (da verificare a fine test); il display Bosch Purion è compatto, funzionale, ma richiede un po' di apprendistato; per favorire la maneggevolezza il manubrio dovrebbe essere almeno da 76-77 cm; estetica convenzionale con batteria sul tubo obliquo che non permette il montaggio di un portaborraccia.

Le e-bike da trail riding-all mountain stanno diventando davvero interessanti e sempre più divertenti. Sono la definizione moderna di bici da montagna e il motore Bosch Performance Line Cx aggiunge divertimento a una bici studiata davvero molto bene, specie con la sospensione posteriore impostata su Low (angolo di sterzo più aperto, da 66°).
Si vede che Trek ha fatto per bene i compiti a casa, e pur senza stravolgere il design della precedente serie (la batteria è sempre lì, sul tubo obliquo e il motore è sempre nella stessa posizione) è riuscita a raggiungere un livello di prestazioni molto superiore a quello del modello precedente.
La sospensione posteriore riesce letteralmente a galleggiare nei tratti più accidentati, grazie anche alla gomma da 2,8″ di sezione e soprattutto all’ammortizzatore RockShox Deluxe Rt3 (da 230×57 mm).
Il reparto sospensioni funziona in modo magnifico e in discesa la velocità sale davvero in un attimo.
Controllo, stabilità, spazi di frenata ridotti e tanta confidenza in più: le gomme Plus fanno il loro lavoro.

Per quanto riguarda la trasmissione, lo Sram Ex1 è un altro bel passo in avanti per una e-bike e si candida a diventare la scelta obbligata per avere fluidità, precisione (sempre e comunque) e affidabilità. La corona da 15 denti è perfetta per avere una demoltiplicazione adeguata della pedalata in salita e con la trazione delle gomme da 2,8″ si sale quasi ovunque. 

Difficile fermarsi con una bici del genere, anche in salita. Il test prosegue, ma le sensazioni ottenute fino ad ora sono già più che positive.

Ps: il test completo verrà pubblicato su eBikeCult.it 😉 lo conoscete già?

In salita

In discesa

Peso

Qualità/Prezzo

Giudizio totale 8/10

Premia questa BiciHai premiato questa Bici
Pubblicità

Dati Bici

  • Tipologia e-Bike
  • Marca telaio Trek
  • Modello Powerfly 9 Lt Plus
  • Diametro ruota 27.5-pollici
  • Peso 22.00 kg
  • Upgrade effettuati Se fosse la mia, monterei una Pike da 160 mm (anziché da 150 mm) di corsa perché creerebbe un'accoppiata perfetta con la sospensione posteriore da 150 mm.
    Questo porterebbe il manubrio un po' più in alto da terra e renderebbe la guida ancora più aggressiva.
    E magari una gomma anteriore con tasselli laterali più cattivi (in attesa che qualche marchio faccia una gomma così...).

Dati da Ciclista

  • Specialità All Mountain (130-160 mm),Enduro (150-165 mm),Marathon Trail (100-140 mm)
  • Il mio account http://www.strava.com/athletes/376591
  • Agonista No
  • Peso forma ciclista 80.0 kg
  • Statura ciclista 180 cm
  • Altezza sella 74 cm
  • Km annui 6000 km
  • Uscite mensile 10
  • La mia uscita/gara più bella 200 Km su strada, ma è passato molto tempo: ero un agonista. Oggi punto a divertirmi, sia in salita che in discesa.
  • Prossimo upgrade Meglio di così? Devo aspettare le novità del prossimo anno... :-)
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità