B'Twin - Rockrider 8.1

Una bici di Fabio9999

1

La bici con cui ho inziato questa avventura e ancora mi scarrozza per i monti.

Data di prima pubblicazione:
13 Febbraio 2016

i pro di questa bici
I pro di questa bici... Tutto!! -ottima in discesa -grazie alle ruote da 26 e al movimento centrale alto gode di ottima agilità Must: la forcella

i contro di questa bici
In salita il peso si sente. Soprattutto per via delle gomme pesanti. La posizione in sella sulle lunghe salite mi provoca dolore alla schiena.

Beh come parlare di questa bici; è stata la mia prima vera mountain bike. Ormai è davvero una cosa speciale. Dal punto di vista di polivalenza è davvero ottima e nonostante tutti i maltrattamenti che ha subito continua a dare segni concreti che non sia una bici da pensionare. In questi anni ho cercato di cucirmela addosso e devo dire che il risultato finale è davvero ottimo, magari abbastanza originale, ma piace a me.In discesa è davvero una bomba e non si ferma più; Nel senso che anche pinzando i freni se ne fragano altamente.
Essendo una front però sui rilanci è davvero pronta e scattante; e quella forcella fa il suo dovere in modo egregio.
Questa peró non è una bici come le altre: se sbagli ti lancia per terra senza preavvisi, come farebbe un cavallo con il suo cowboy ad un rodeo. Se si parla di divertimento peró questa bici non ha paragoni…. Veloce e molto molto cinica. In salita visto il peso è un po' limitante ma sale bene senza troppi sforzi.
Ormai di chilometri ne abbiamo fatti molti ma lei di andare in pensione non ha voglia di andare!

In salita

In discesa

Peso

Qualità/Prezzo

Giudizio totale 6/10

Premia questa BiciHai premiato questa Bici
Pubblicità

Dati Bici

  • Tipologia Cross Country (0-100 mm)
  • Marca telaio B'Twin
  • Modello Rockrider 8.1
  • Diametro ruota 26-pollici
  • Peso 14.50 kg
  • Upgrade effettuati Cone dicevo prima è una bici che nel tempo ho cercato di cucirmi addosso con componenti messi piano piano e pensando più all'aspetto estetico e solo in secondo piano funzionalità; okk la cose potrebbe essere strana ma il risultato che questa bici doveva avere era la stravaganza.
    Appena comprata montava di serie dei pedali a sgancio rapido mai usati prima per me e ho cercato subito e messo dei flat a pin della exustar color oro per prendere un po' confidenza con la bici.
    Piú avanti ho fatto il mio primo vero upgrade di estetica più che di necessità: una sella Nukeproof
    Gialla e nera... Davvero bella!
    Qualche mese dopo altri acquisti importanti: manubrio Deity Blacklabel azzurro da 780mm di larghezza e rise di 20. Davvero davvero bello ma ho deciso di tagliarlo di un paio di cm perchè la sensazione era da "troppo impacciato nello stretto". Assieme al manubrio ho comprato anche un nuovo pignone più leggero e delle manopole Specialized davvero comodissime che non ho piú trovato da nessuna parte.
    Dopo tanto tempo e tanti chilometri arriva giugno dell'anno appena concluso e mi decido a realizzare un'idea che avevo già da un po di tempo ma non avevo mai pensato di farlo.
    Mi sono messo a cercare delle ruote, ho trovato delle ruote a profilo altro nobrand proprio come cercavo; montate con gomme e anche dischi shimano xt nuovi mi sono fatto fare degli adesivi della Enve per le ruote e anche per i mozzi DT Swiss. Per questo progetto devo ringraziare il mitico Giulio Valfrè e il suo team che, oltre ad essere velocissimi, hanno realizzato dei bellissimi adesivi.
    Adesivi che non potevano mancare nemmeno sulla bici e appena avevo l'occasione e qualche adesivo mi mettevo ad attaccare come un bambino con le figurine.
    Le ultime modifche sono state parafango anteriore marsh guard rigorosamente riempito di adesivi e altre piccole chicche che rendono una bici unica
    Questa è la mia bici e mi piace davvero tanto e ormai ho creato un feeling pazzesco e non saprei stare senza lei.
    ( l'immagine di copertina è l'unica foto che riuscivo a caricare)
Pubblicità
Pubblicità

Dello stesso autore

Correlati

Pubblicità