Decathlon - Rockrider 6.3

Una bici di Salvo Koa Ferro

4

La bellezza della bici sta nel cuore di chi pedala.

Data di prima pubblicazione:
15 Dicembre 2015

i pro di questa bici
È un mezzo molto robusto(il che porta ai contro visto il peso), grazie ad alcuni upgrade sono migliorate le sospensioni e la frenata.

i contro di questa bici
Peso eccessivo(un cancello con le ruote),componenti di base qualitativamente scarsi,telaio con giunto al carro posteriore che come tecnologia ricorda quasi l'anteguerra.

Bonatti scriveva che ,la realtà è il 5% della vita ,l'uomo deve sognare per salvarsi. Sognare è lecito per tutti,anche per un ragazzo di 20 anni che vede i suoi idoli sfrecciare sui trail e la notte si addormenta chiudendo gli occhi e immaginandosi con indosso una pettorina di coppa del mondo e in sella ad un mezzo veramente degno. Ma tra i sogni e la realtà esiste un mare difficilmente navigabile. In tempi di ristrettezze economiche,un ragazzo come me,come tanti deve sudare tanto anche per comprarsi un mezzo da poche centinaia di euro,ma poco importa,bastano due ruote,un manubrio,i pedali e una passione infinita per arrivare lì dove si vuole. Acquistai la mia bici usata,da un signore che voleva venderla perché non poteva più utilizzarla, l'andai a prendere in treno a 200km da casa,appena la vidi non fu subito amore,una bici per accontentarmi,perché sapevo che di più non potevo avere, ma la diffidenza non sarebbe andata avanti a lungo. Le prime uscite,l'innamoramento di avere un mezzo mio col quale poter sognare,i primo upgrade,il rapporto quasi umano che si è creato,il sentire la bici come un prolungamento del corpo. Poi quest'anno gli incidenti, mi taglio il palmo della mano rischiando di perdere qualche dito e il conseguente allontanamento dalla sella della mia bici,poi un'operazione agli occhi a complicare le cose. Ho rimesso i pedali sotto i piedi dopo 11 mesi di stop…non importa se è pesante e impedalabile,se non ammortizza come vorrei,se quando quelli con le bici "vere"mi vedono in giro ,mi guardano come un appestato con la bici del
Decathlon,se in discesa rischio la pelle…alla prima curva che ho preso su un trail mi sono sentito VIVO..e felice. Poco importa se giri con una SantaCruz ,con una bici del Decathlon o in Graziella… Come scrisse qualcuno ..quella della bici è l'unica catena che rende liberi…il resto non importa…il sorriso,la passione,il senso di libertà,la voglia di superarsi,il piacere di stare insieme tra la natura,questi sono i veri mezzi necessari per andare in bici.

In salita

In discesa

Peso

Qualità/Prezzo

Giudizio totale 4/10

Premia questa BiciHai premiato questa Bici
Pubblicità

Dati Bici

  • Tipologia Cross Country (0-100 mm)
  • Marca telaio Decathlon
  • Modello Rockrider 6.3
  • Diametro ruota 26-pollici
  • Peso 15.00 kg
  • Upgrade effettuati Ammortizzatore Rock Shox Monarch RT3 ,impianto frenante Shimano Deore, piega manubrio Oval low riser,copertoni Schwalbe Hans Dampf 2.35(anteriore) Rapid Rob 2.10(posteriore), pedali flat Exustar, manopole Specialized.

Dati da Ciclista

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità