Santa Cruz - Nomad C

Una bici di Carlostoner Andreoli

2

I tanti sacrifici sono stati immediatamente ripagati appena saliti in sella

Data di prima pubblicazione:
16 Febbraio 2015

i pro di questa bici
Il carro lavora in maniera eccezionale "spiana" e perdona i piccoli errori, caricando per bene l anteriore risulta granitica e nn ti fa perdere la linea scelta, il Monarch lavora benissimo ed in pedalata si blocca quasi totalmente facendo si che nonostante geometria da freeride si pedali discretamente, infine Pike e ruote condiscono il tutto in maniera ottima

i contro di questa bici
Quasi inesistenti, tranne forse il fatto che è bassissima di conseguenza sul tecnico a volte tocca sotto e le pedivelle devono essere almeno da 170mm, forse si sarebbe potuto pensare ad un doppio settaggio

È stato quasi un travaglio scegliere, tra Spartan e Nomad, mi piacevano tutte e 2 , ma la Nomad un po ' di più, ma stavo per optare per la canadese soprattutto per un fattore economico (quasi 1000€ la differenza di listino tra i telai) poi un po ' la lunga attesa prevista per la Spartan, un po' il cuore alla fine ho deciso di dirigermi sulla Santa e meno male, fantastica, bella e funzionale, una bomba!
Ho sempre avuto un debole per la Nomad è non ero mai riuscito a coronare il sogno poi anche grazie al grande SALVATORE di BICIDAMONTAGNA.COM ( http://www.bicidamontagna.com/ ) è diventato realtà. La bici è spettacolare alla vista quanto nella guida.

La prima volta in sella sentite le tante chiacchiere ero un po' curioso soprattutto in salita pensando all'enorme difficoltà dovuta alle evidenti geometrie da pura freeride ed invece sono stati bravi, l'hanno resa anche pedalabile grazie pure al monarch, certo non è una trail bike però si arriva ovunque senza problemi.

E poi…
E poi arriva il suo regno, la discesa Cavolo una schiaccia sassi, sulle rocce sassate o ferme che siano la Nomad non si muove segue esattamente la linea che decidi di dargli il movimento centrale basso la tiene piantata anche e soprattutto quando si lasciano i freni nei curvone, che gusto, ad avere più manico😀! Sono alle prime uscite e praticamente sui sentieri di casa e quanto prima spero di portarla in posti ancora più tosti e difficili per capire quanto può farmi migliorare. Rispetto alla mia precedente bike cioè la Ibis Mojo Hd-r ho notato la maggiore stabilità in discesa, la Nomad è senz'altro una bici meno fisica al mio livello, cioè quello amatoriale. L'unica cosa forse la mancanza della doppia regolazione del carro, cosa presente su altre bike come ad esempio proprio la Spartan, sul tecnico i 340mm di altezza del movimento centrale si sentono può capitare di toccare sotto o le pedivelle, infatti il prossimo intervento sarà proprio la sostituzione della guarnitura con pedivelle da 175mm a 170mm.
Per il resto… CHE BICI!!!

In salita

In discesa

Peso

QualitĂ /Prezzo

Giudizio totale 9/10

Premia questa BiciHai premiato questa Bici
PubblicitĂ 

Dati Bici

  • Tipologia Enduro (150-165 mm)
  • Marca telaio Santa Cruz
  • Modello Nomad C
  • Diametro ruota 27.5-pollici
  • Peso 13.30 kg
  • Upgrade effettuati Avendo comprato solo il telaio, ho tenuto tutto quello che avevo sulla precedente bike quindi Rockshox pike rct3 ruote mavic crossmax xl e trasmissione monocorona xt.
    Invece upgrade che ho intenzione di fare appena possibile sono senz'altro guarnitura con pedivelle da 170mm (probabilmente x01 con corona 30t o 32t) e reggisella telescopico con passaggio cavi interni (Rockshox reverb o ks lev integra)
PubblicitĂ 
PubblicitĂ 
PubblicitĂ