Trek - Slash 9.8

Una bici di Simone MtbCult

1

E' l'enduro secondo Trek. E il nome Slash (frustata in inglese) le si addice proprio...

Data di prima pubblicazione:
08 Dicembre 2014

i pro di questa bici
Il giudizio non è ancora definitivo: qualità costruttive del telaio, assetto in sella equilibrato, discreta agilità, ottima stabilità in discesa,efficienza sospensione posteriore in discesa grazie ad Abp e Monarch Plus DebonAir, geometria regolabile tramite Minolink, finiture, protezioni in gomma dove servono.

i contro di questa bici
Il giudizio non è ancora definitivo: prezzo elevato (6149€) in relazione al qualità della componentistica, il tuning poco frenato in compressione dell'ammortizzatore riduce l'efficienza in salita? da capire nelle prossime uscite.

Basta poco per capire che è a tutti gli effetti una moderna bici da enduro: angolo di sterzo molto "aperto" (65°), interasse lungo, sospensioni di alto livello e tubo superiore abbastanza lungo.
Per trovare l'assetto corretto ho sostituito l'attacco originale da 60 con uno da 40 mm.
Il test della bici è ancora in corso, quindi questo testo è da considerarsi solo provvisorio.
La prima sensazione in sella alla Slash 9.8 è molto positiva perché ricorda quella di tante altre concorrenti molto quotate e quindi ispira familiarità.
Manubrio abbastanza largo (750 mm) con un rise minimo (15 mm) permettono di ridurre molto l'altezza da terra del manubrio, spostando il peso sulla ruota anteriore.

La cosa che più mi ha colpito dopo poche uscite è la facilità di guida in discesa, merito delle sospensioni Rock Shox, in particolare dell'ammortizzatore Monarch Plus Rc3 DebonAir.
Quest'ultimo ti dà la sensazione di avere un travel maggiore rispetto ai 160 mm effettivi, è molto sensibile alle piccole sollecitazioni (creando qualche dispersione di potenza in salita) tanto da ricordare un'unità a molla, ha una regolazione del rebound molto vasta (utile in salita…) e assorbe di tutto.
In discesa si sente anche la presenza dell'Abp, ossia del pivot concentrico con l'asse posteriore: in frenata la sospensione continua a fare il suo dovere, amplificando la sensazione di controllo.

La forcella è una Pike con regolazione dell'escursione e pur avendo affrontato sentieri ripidi non ho mai abbassato la forcella. Molto probabilmente è perché non sono abituato a farlo.
A parte il funzionamento poco preciso di cambio, reggisella telescopico e freno posteriore (ma è una test bike…) su questa Slash 9.8 è difficile trovare imperfezioni.
Ok, alcuni componenti non sono il top, ma per divertirsi e gareggiare nell'enduro è un allestimento decisamente valido.

Devo farmi un'idea più precisa sui cerchi Bontrager Maverick Pro da 28 mm di larghezza interna.

In salita

In discesa

Peso

Qualità/Prezzo

Giudizio totale 9/10

Premia questa BiciHai premiato questa Bici
Pubblicità

Dati Bici

  • Tipologia Enduro (150-165 mm)
  • Marca telaio Trek
  • Modello Slash 9.8
  • Diametro ruota 27.5-pollici
  • Peso 12.83 kg
  • Upgrade effettuati Attacco manubrio da 40 mm di lunghezza al posto dell'originale da 60.

Dati da Ciclista

  • Specialità 650b Plus,All Mountain (130-160 mm),Cross Country (0-100 mm),e-Bike,Enduro (150-165 mm),Gravel,Marathon Endurance (80-110 mm),Marathon Trail (100-140 mm)
  • Il mio account http://www.strava.com/athletes/376591
  • Agonista No
  • Peso forma ciclista 82.0 kg
  • Statura ciclista 180 cm
  • Altezza sella 74 cm
  • Km annui 6000 km
  • Uscite mensile 12
  • La mia uscita/gara più bella 200 Km su strada, ma è passato molto tempo: ero un agonista. Oggi punto a divertirmi, sia in salita che in discesa.
  • Prossimo upgrade Meglio di così? Devo aspettare le novità del prossimo anno... :-)
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità